L’amaro e il Gusto nel 2020

bottiglia di amaro verde ischia

Alla fine degli anni Novanta si è scoperto che i sapori percepiti dal nostro palato non sono quattro ma cinque: dolce, salato, amaro, acido e umami.
Umami è un termine giapponese che significa “sapore delizioso” e identifica un gusto particolarmente saporito legato alla presenza di glutammato nei cibi. Sono naturalmente ricchi di glutammato i funghi, i pomodori, la carne, le olive, gli asparagi, i crauti e il parmigiano.

La storia dell’amaro, un gusto difficile

Dal punto di vista genetico, il gusto più difficile da definire è proprio l’amaro. È stato il chimico Arthur Fox, a scoprire, nel 1931, che le persone lo percepiscono in modi diversi: alcune, dette individui taster hanno una forte sensibilità a questo sapore, altre invece, dette non taster, hanno una bassa sensibilità e lo recepiscono poco.
In particolare, l’età sembra influenzarne notevolmente la percezione che è molto elevata nei bambini ma è estremamente attenuata negli adulti e negli anziani che spesso si ritrovano a mangiare e ad apprezzare cibi amari che da piccoli rifiutavano.

 

Che funzione aveva il retrogusto amaro in antichità?

Anticamente il sapore amaro aveva la funzione di difenderci dai cibi velenosi come le muffe e alcuni tipi di bacche che generalmente avevano un gusto sgradevole. Oggi invece, l’amaro è parte integrante della nostra tradizione culinaria e si usa per riequilibrare il sapore dolce e per rinforzare quello aspro e quello salto.

A fine pasto il liquore amaro, definito anche ammazzacaffè perché annulla tutti i sapori delle portate appena consumate, compreso quello del caffè, è diventato una vera e propria tradizione. È un momento di piacere unico e irrinunciabile. 

 

Un amaro tutto da gustare, il Brivido d’Ischia

 

Brivido d’Ischia, l’amaro verde brillante, con la sua miscela di fiori di sambuco e finocchietto, è un perfetto dopo pasto dal sapore gradevole e dalle proprietà digestive. Si può gustare ghiacciato, in abbinamento coi dolci oppure in cocktail a base di prosecco che oltre a essere ottimi hanno anche un vivace tocco di colore brillante.

Questo tipo di amaro italiano nasce dalla lavorazione di diverse tipologie di erbe, portate ad infusione e colte direttamente alle pendici del Monte Epomeo. La storia del sapore, del gusto e del senso dell’amaro al palato è del resto particolare, ma l’uomo conosce i trucchi del piacere e sa riscattare anche un sapore ostico come l’amaro.

Che qui ha una resa perfetta, in un dopopasto dolce ed allo stesso tempo amaro, ideale come digestivo. Il Brivido d’Ischia è un prodotto unico nel suo genere e nasce a Ischia, dalla maestria di Giuseppe di Massa.

Visita lo shop per acquistare online ed in tempo per le feste il tuo amaro ischitano

L’uso e l’acquisto di prodotti alcolici è vietato ai minori di anni 18.

Clicca qui per dichiarare di essere maggiorenne!